Venezia: passeggiata da Piazzale Roma alle Zattere

Molto spesso noi che viviamo vicini a Venezia andiamo anche solo per una passeggiata, un aperitivo, una cena, o uno dei tanti spettacoli teatrali e/o musicali che ci sono sono in città.

Ed ecco un’altra proposta di passeggiata per godersi Venezia senza la foga di visitare qualche palazzo, museo, o chiesa.

Venezia: da Piazzale Roma verso Ca’ Foscari.

Prendo l’autobus alla fermata sulla SS309 (900 metri dall’agriturismo Ca’ Marcello).
Arrivo a Piazzale Roma, punto di partenza per una passeggiata nel tardo pomeriggio.

Vado verso i Tre Ponti e prendo direzione Rialto/San Marco (c’è un cartello giallo, tipico della segnaletica ufficiale veneziana).
Proseguo fino alla deviazione dove mi trovo davanti Rio Malcanton.

Venezia
Rio Malcanton

Giro a destra e passo il ponte e vado subito a sinistra verso Ca’ Foscari, sede dell’università di Venezia.

Venezia, Rio Malcanton
Dal ponte di Rio Malcanton

Si prosegue lungo la calle fino a quando si incontra a sinistra una calle larga.

Venezia
Dal ponte che attraversiamo lungo la calle

A sinistra si trova un edificio sede dei pompieri di Venezia. Passando il ponte sbirciate a sinistra del palazzo dove ci sono le arcate che accolgono le barche dei vigili del fuoco.

Subito dopo il ponte c’è Ca’ Foscari.
Il palazzo è uno stupendo esempio di stile gotico-veneziano del XV secolo, con facciata in pietra d’Istria. La visita al palazzo è possibile su prenotazione a cafoscaritour@unive.it con Ca’ Foscari Tour che è un progetto che si propone di raccontare la storia dell’ateneo e include la visita di Ca’ Dolfin, altro palazzo dell’università, poco lontano da Ca’ Foscari. La visita si effettua di sabato ed è gratuita.

Ca' Foscari, Venezia
Dal ponte di Ca’ Foscari

 

Ca' Foscari, Venezia
Ca’ Foscari, cortile interno
Ca' Foscari, Venezia
Ca’ Foscari, cortile interno

Da Ca’ Foscari alle Zattere

Torno sui miei passi e giro a sinistra per proseguire la mia passeggiata.

Vado verso Campo San Barnaba.

Campo San Barnaba, Venezia
Dal ponte di Campo San Barnaba

Dal ponte, a destra, si vede la barca che vende frutta e verdura, caratteristica di questa zona.
Il ponte che si vede  è il ponte dei pugni. Su questo ponte le due fazioni opposte dei Castellani e dei Nicolotti si affrontavano in un “gioco” permesso dalla Serenissima. Un tempo i ponti di Venezia non avevano i parapetti e le fazioni puntavano a far cadere nel canale più persone possibili della banda rivale. Ci si posizionava sulle impronte in pietra d’Istria che ci sono ai 4 angoli del ponte.

Proseguo la passeggiata andando verso la Toletta, e una volta arrivata al Ponte de le Meravegie, lo attraverso e giro a destra su Fondamenta Priuli.
Dal lato opposto si arriva velocemente all’Accademia, ma io preferisco andare verso San Trovaso. L’area è molto bella, prima di tutto perché si può ammirare lo Squero dall’altro lato del canale, e ci sono dei bacari dove fermarsi per uno spritz.
Lo squero è uno dei pochi rimasti in città. Vi si costruiscono e riparano le Gondole.

Squero San Trovaso, Venezia
Squero San Trovaso

Esco da Fondamenta Nani lasciandomi alle spalle le conversazioni delle persone che si stanno godendo l’aperitivo. Raggiungo le Zattere, fondamenta lunga quasi 2 km, che si snoda lungo il canale della Giudecca, con l’isola omonima dall’altro lato.

Zattere, Venezia
Vista dalle Zattere sull’isola della Giudecca e Chiesa del Redentore

Sono arrivata alla mia meta, in una delle sedi dell’università Ca’ Foscari per godermi un concertino Jazz.

Zattere, Venezia
Zattere

Altre passeggiate a Venezia

Camminando tra il Ghetto e Ca’ D’Oro

Da Rialto a Fondamenta Nove

Da Piazzale Roma a Rialto

La terrazza del Fondaco dei Turchi