Riviera del Brenta: Villa Badoer Fattoretto

Villa Badoer Fattoretto è un elegante edificio che si affaccia sul Naviglio Brenta.
Si trova tra Mira e Dolo, subito dopo il complesso di Villa Velluti e Villa Tito.
E’ una delle poche ville visitabili della Riviera del Brenta ed è stata una piacevole sorpresa nel suo complesso.

Nota: la visita è stata effettuata nel primo weekend di apertura dopo l’emergenza Covid. Per la visita al momento è obbligatoria la mascherina.

La visita a Villa Badoer Fattoretto: la storia.

Abbiamo raggiunto la villa in bicicletta, seguendo il corso del naviglio Brenta.
Siamo stati accolti dal proprietario della villa e da una guida che poi ci ha seguiti nella visita.

Riviera del Brenta, Villa Badoer Fattoretto

All’esterno, prima di entrare, la guida ci ha raccontato la storia della villa.
La famiglia Badoer aveva proprietà a San Bruson (la zona in cui si trova la villa è ancora così denominata) fin dagli inizi del 1500. La Villa nacque tuttavia tra il XVI e il XVII secolo.
I Badoer ne rimasero proprietari fino al 1846.

Riviera del Brenta, Villa Badoer Fattoretto

A loro succedettero diversi proprietari finché non fu acquistata da Barone Carlo de Chantal.
Proprio sul Barone de Chantal ci è stata raccontata una curiosità: aveva l’abitudine di recarsi dall’altro lato del naviglio in alcune sere, quando la lanterna della villa di fronte era accesa. Si pensa che andasse in visita dall’amante quando il marito di costei non c’era.

Riviera del Brenta, Villa Badoer Fattoretto

Successivamente fu Ulderico Fattoretto ad acquistarla nel 1945 che cercava uno spazio ampio per poter mettere una grande botte dalla quale si caricava vino sulle barche che veniva trasportato via acqua soprattutto a Venezia.
L’edificio ha subito molti cambiamenti nel tempo, e durante la seconda guerra mondiale è stato requisito  dall’esercito tedesco (sorte toccata a molte ville del territorio veneziano).

La visita a Villa Badoer Fattoretto: l’interno.

Successivamente siamo passati all’interno della villa (visitabile solo parzialmente, e non si possono fare foto all’interno, come in tutte le ville private).
L’androne è molto bello, e vi spicca uno splendido lampadario molto colorato di vetro di Murano.
Si può visitare la cucina, molto ricca di pentolame in rame e una curiosità sono le cioccolatiere (per fare la cioccolata calda) del barone de Chantal, che ne era un grande estimatore.

La visita a Villa Badoer Fattoretto: la storia.

Visitiamo altre stanze e scopriamo altre curiosità grazie alla guida molto preparata.
E quindi usciamo nel giardino interno per recarci alla parte museale della villa: il museo del Villano.

La visita a Villa Badoer Fattoretto: il museo del Villano.

Il piccolo museo, che si trova nelle ampie barchesse della villa, vale la visita.
E’ nato per volere di Luigi Fattoretto, per salvare la memoria contadina, e nel tempo si è via via arricchito.
Ci sono cimeli di ogni tipo, da quelli legati alla vita dell’ambiente rurale (falegnameria, produzione di vino, attrezzi agricoli, attrezzi da barbiere, etc.), a strumenti musicali, carrozze…
Una particolarità che ci ha colpiti: le tazzine per cioccolata da uomo con parabaffi incorporato, per destri e mancini.

Riviera del Brenta, Villa Badoer Fattoretto

(In questi mesi, primavera – estate 2020, sarà visitabile solo una parte del museo)

La visita a Villa Badoer Fattoretto: il giardino.

Riviera del Brenta, Villa Badoer Fattoretto

Infine facciamo una piacevole passeggiata nel giardino.
Incontriamo un piccolo laghetto, creato dal barone de Chantal. È curiosa la storia di questo specchio d’acqua. Il barone de Chantal era convinto che in quel posto vi fosse seppellito un tesoro appartenuto ai benedettini, fuggiti in fretta e furia durante la guerra di Cambrai.
Fece così scavare per cercare il tesoro, che non è stato trovato.
Per utilizzare l’enorme buco rimasto, ha deciso di creare  questo incantevole laghetto alimentandolo con le acque del Brenta.

Riviera del Brenta, Villa Badoer Fattoretto

Riviera del Brenta, Villa Badoer Fattoretto

Proseguendo la passeggiata ritorniamo verso la villa lungo il viale d’accesso posteriore.

Riviera del Brenta, Villa Badoer Fattoretto

Anche sulle statue ci sono delle curiosità. Ma vogliamo lasciarvi almeno qualcosa da scoprire durante la vostra visita alla villa 😉

Perchè visitare Villa Badoer Fattoretto e le altre ville della Riviera del Brenta?

Questa villa, come molte altre, è privata. La Riviera del Brenta ha un ricchissimo patrimonio in questo senso, ma pochissime si possono visitare.

Consigliamo la visita a Villa Badoer Fattoretto per la qualità della visita, per il museo e per le storie che si scoprono dei proprietari, sempre molto interessanti.

Riviera del Brenta, Villa Badoer Fattoretto

Riviera del Brenta, Villa Badoer Fattoretto

Informazioni per visitare la villa

La villa è visitabile tutte le domeniche di aprile/maggio/giugno e settembre/ottobre.
E’ consigliata la prenotazione soprattutto in questo periodo in cui la visita si può fare con un numero ridotto di persone.
La visita dura un’ora circa.

Numero di telefono: 041410113
Per il costo del biglietto è meglio chiedere in fase di prenotazione, in quanto ci è stato detto che fino a fine giugno 2020 è di 3,00 euro. Poi l’entrata avrà il costo di 7,00 euro (salvo riduzioni).
La villa aderisce al circuito VilleCard.

VilleCard è una carta acquistabile all’ufficio informazioni di Mira o in una delle ville che aderiscono al circuito. Costa solo 2,00 euro e offre numerosi vantaggi oltre all’entrata ridotta di tutte le ville aderenti. Una nuova opportunità per vedere le ville della Riviera del Brenta.
Info line +39 041 424973
villawidmann@servizimetropolitani.ve.it

Altre cose da fare e vedere in Riviera del Brenta

La Riviera del Brenta in bicicletta

Villa Foscari a Malcontenta

Villa Widmann Foscari a Mira

Villa Pisani di Stra

Villa Tito

Dolo

Oasi WWF Valle Averto

Il ponte pedonale di Oriago